Escursioni

fotoAllontanandosi dal centro abitato, il paesaggio diviene sempre più impervio e boscoso. 
Qua e là si scorgono vecchi casali e palmenti abbandonati. Gli agenti atmosferici e l' opera degli antichi abitanti hanno ricavato nelle maestose rocce dei rifugi per se e per i loro animali, piccoli ambienti usati anche come rifugi dagli eremiti.
Questi sono visibili ai piedi delle Rocche Scala, presso la contrada Rizzo, ed ai confini di Gallodoro, presso il Serro S. Anna ed il verde bosco di Margi.
I panorami che si ammirano dalle alture di Forza d’Agrò sono vari ed incantevoli, ma quelli di maggiore bellezza sono quelli rurali che ancora conservano quell' aspetto primordiale tipico della vita di un tempo.

Per rendersi conto del fascino e della seduzione che la campagna forzese emana, basta recarsi sull' altopiano di "Santoleo", raggiungibile percorrendo i vecchi sentieri oppure il moderno tracciato carrozzabile in terra battuta, che con i suoi paesaggi quasi lunari, appare all’occhio del visitatore come un mondo incantato.

fotoScendendo giù dal Vignale, percorrendo una strada sterrata carrozzabile pianeggiante e sinuosa, dopo avere superato la "fontana del Canale", si giunge in contrada Casale. Qui rimangono tuttora "segni" di un antico passato. Primi fra tutti i muri perimetrali, in pietre e sabbia, della piccola chiesa di San Michele, semplice e modesta, in piena armonia con il paesaggio che la circonda. Nell’antica località del Casale, ricca di ulivi, mandorli e querce, rimangono ancora le tracce di una vita agricola che un tempo dovette essere parecchio intensa. Tra queste un’aia ed un primitivo palmento scavato in un unico grande blocco di roccia arenaria.
Risalendo direttamente da Forza d'Agrò si attraversano i verdi boschi della contrada Margi, ove il sole penetra con difficoltà ed anche nelle estati più calde si può godere di momenti di refrigerio.
  Proseguendo si arriva in località S. Anna, maestoso altopiano su cui si estendono piccole pianure ricche di coltivazioni, circondate da grandi rocce dalle forme caratteristiche.
Forse fin dall' antichita gruppi uomani avevano scelto questo sito naturalmente protetto o come luogo di culto o semplicemente per viverci e per custodire, come si fa ancora oggi, il loro gregge.
Il tratto di costa sottostante Forza d' Agrò si presenta in modo abbastanza vario alternando, tratti di scogliera incantevoli con le sue anse ed i suoi scogli affioranti, ad un' ampia spiaggia pulita che sembra risplendere sotto i raggi del sole.

Torna su^

Home | Il Comune | Amministrazione | Informazioni | Arte&Storia | Contatti